DoggyZen

L’obbiettivo di questo facile e simpatico esercizio è portare il cane ad affidarsi a noi di fronte a un dilemma. Il cane si abitua all’idea che l’interazione con noi sia sempre vantaggiosa.
Facendo ciò si troverà a dover ragionare prima di agire e, un altro risvolto positivo dell’esercizio, è che il cane apprende quanto la calma possa essere uno stato d’animo vantaggioso.

Materiale: bocconcini molto graditi al cane

Descrizione

01Tenendo stretti nella mano dei bocconcini, assumiamo una posizione per noi comoda e che permetta al nostro cane di accorgersi della presenza dei premietti, senza però indurlo a credere che gli stia offrendo del cibo. La cosa più probabile è che il cane tenti di appropriarsene…ed è un bene, tanto che lasceremo senza interferire che il cane metta in atto tutti i suoi tentativi. E’ importante non dare alcun feedback al cane, quindi evitiamo di aiutarlo o incitarlo, cercheremo invece di rimanere più fermi possibile senza lasciare che il cane riesca ad impossessarsi del cibo nella nostra mano.

02Dopo svariati tentativi il cane comincerà a demordere rendendosi conto che il rebus si presenta più complicato del previsto. E’ molto probabile che a questo punto il cane si fermi a riflettere. Questo è il momento di premiarlo offrendogli dei premi identici, ma con l’altra mano. Dunque il primo comportamento da premiare è la cessazione dei tentativi di appropriarsi del cibo in modo eccessivamente invadente

03Una volta ottenuto ciò, premieremo l’eventuale presa di distanza dalla mano.

04Il passo successivo sarà premiare il cane se, nella situazione di calma sopracitata, incrocerà il nostro sguardo

05Infine, riterremo concluso e riuscito l’esercizio quando il cane si affiderà volontariamente a noi con lo sguardo in cerca di aiuto e cooperazione.

Finalmente potremo aprire la mano e lodare il cane!

Suggerimenti

il tempismo nel premiare il cane è molto importante, specie con alcuni soggetti particolarmente cocciuti
Per aiutarci a “fotografare” l’istante migliore per elargire il premio, potremmo far precedere il tutto dalla parola BRAVO! . Quest’azione è sicuramente più immediata del gesto stesso di premiarlo (e contestualmente alla parola viene attribuita un’accezione positiva)
E’ consigliabile premiare il cane alternando l’una e l’altra mano, per evitare che il cane si fissi sulle mani invece che dare attenzione a noi